“La tenerezza”

0
221

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La tenerezza”.

Sai che stavo a pensà co’ tenerezza?
Si se scioje er consijo communale
Quarcuno de sicuro ce sta male,
Nun poi pensà che ciò la contentezza,

Er core me se gonfia de tristezza.
Me viene d’esse sempre solidale
Puro si vedo triste ‘n animale,
Che posso fa’ si ciò sta debolezza.

Mo tu me dici de fa ‘n’eccezione
De nun fà sempre er solito smielato
Perché nun se po’ avé la compassione

Pe chi Civitavecchia ha rovinato.
E allora senti a me, te do raggione,
Famme dà er primo corpo a lo stellato.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY