“La sfortuna”

0
242

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La sfortuna”.

Lo devo dì: è proprio sfortunato,
Gni cosa che fa’ je s’arivorta,
È capace de trasformà ‘na torta
In un piatto che pare masticato.

Quello che tocca lui è condannato
La disgrazia lui proprio la trasporta,
Chi lo sta pe incontrà subbito svorta
Pe nun rischià de esse contaggiato

Mo ha fatto tardi puro coll’apparto
In giro po’ trovà solo frattaja
Puro st’estate ciavremo lo scarto.

Però continua a fa’ sartalaquaja.
So sicuro che si facesse er sarto
Se sbajjerebbe puro ne la tajja.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY