“La par condicio”

0
143

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La par condicio”.

M’hanno detto che c’è la par condicio
Che la devo finì de rompe er cazzo
A chi vo annà all’assarto der palazzo
Pe avé potere e fanne meretricio.

M’ho da sta zitto, devo fa er pupazzo,
Inghiottì le parole micio micio,
Che m’hai da crede è peggio der cilicio,
Senza potevve dà nemmanco un lazzo.

Pé un mese e mezzo nun potrò dì gnente
Nun potrò denuncià quei candidati
Ch’ogni elezzione ingannano la gente

Passanno come fossero affamati
Da mensa a mensa sempre allegramente
Senza manco cambiasse i connotati.

 

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY