“La latrina”

0
129

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La latrina”

Un tempo se chiamava la marina,
La gente adera proprio assai ammirata,
Ce se faceva quarche camminata,
Respiranno aria pura la matina.

Ce se passava puro la serata.
Quarche coppia sedeva assai vicina,
Scambianno ‘na carezza e ‘na moìna,
Quarch’artra se teneva assai avvinghiata.

Insomma adera proprio una ficata.
Ma mo vallo a vedé che te combina
Er grillino co’ tutta la brigata,

Monnezza, erbacce, tutto adè in ruvina,
Nun ce poi manco fa’ ‘na passeggiata
E’ diventata proprio ‘na latrina.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY