“La jella”

0
295

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo consiglio una nuova poesia intitolata “La jella”

Io me domanno se so’ sfortunati
E la jella Je corre sempre appresso
Ma penso pure, e mo te lo confesso,
Che vengheno ogni giorno sabbotati.

Da quanno stanno li so’ disperati:
L’acqua nun scorre più manco ner cesso
L’asfarto ne le strade s’è sconnesso
L’erba cresce più sverta che sui prati.

E pure la rotonna hanno fermato
Che ce teneva tanto Pantanelli,
Pare che quer disegno era sbajjato.

Mo che potemo fa? Chiamà Bustelli?
O evocà quarche strega dar passato?
O grattasse ogni giorno i giocherelli?

Strizzamo li cervelli,
Ma intanto essenno morto preoccupato,
Manco li vedo e già me so’ toccato.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY