“La decenza”

0
98

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La decenza”.

Er decoro è vero, nun s’inventa,
Ce l’hai o nun ce l’hai, è naturale.
E poi diventa proprio ‘na spirale:
Si nun ce l’hai, pij sempre più la scenta.

Presempio: quela giunta communale
Che me pare una sorta de pulenta,
Che vive sempre in mezzo a la tormenta,
Dovrebbe ritirasse ar capezzale.

E invece mette sempre quarche toppa,
Quarche foja de fico a la decenza.
Manco je frega d’esse sempre zoppa,

Quello che importa adè la convenienza.
Si poi quarcuno proprio se l’ingroppa
S’arigireno e dicheno: pazzienza

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY