“La coerenza”

0
260

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La coerenza”.

Un tempo se parlava de coerenza,
Si ciavevi n’idea adera quella
E te pareva proprio la più bella
Nu la cambiavi senza sofferenza.

Mo nun se sarva manco l’apparenza
Co’ assai sciortezza se scenne de sella
Come quanno se fa ‘na scappatella,
E tutto casca nell’indifferenza.

So’ trecentocinquanta in parlamento
Quelli ch’hanno cambiato posizione
Senza vergogna e senza smarrimento.

E adesso pe’ sarvà l’istituzzione
Bisognerà fermasse pe’ un momento
E ridà a la coerenza ‘na funzione.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY