Er terremoto

0
259

Di fronte a ‘na tragedia come quella
Nun ciò parole e nun ciò manco er fiato,
E’ come se m’avessero svotato,
Si ce penso me viè la tremarella.

Oggi se tace, tutto se cancella
Er conflitto dev’esse accantonato.
Ognuno che se sente affratellato
Deve scordasse d’ogni bagattella

E guardà in faccia quello ch’è angosciato:
Nun potemo giocà a nasconnarella.
Armeno adesso chi adè sfortunato

Ha da sentì che ancora c’è ‘na stella.
Poi se sa che sarà dimenticato
Pe riprenne la solita storiella.

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY