“Er sogno”

0
187

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er sogno”.

Quanno che so’ sortito stamattina
Er cielo adera tutto illuminato
Er sole lo sentivo arroventato
Se respirava n’aria cristallina.

Me ne so’ annato dritto a la marina:
Tutto pulito, tutto immacolato
Er mare lo sentivo profumato.
Me pareva ‘na vecchia cartolina.

E a quella pace me sò abbandonato.
Senza centrali, senza inquinamento
M’illudevo de vive ner passato.

Ma ‘na vorta finito quer momento
Quanno ne la reartà so’ ritornato
Dar core m’è venuto un gran lamento.

Pasquino

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY