“Er sinneco e er corteo”

0
266

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto intitolato “Er sinneco e er corteo”

Ar corteo pe difenne la salute
Na fascia tricolore camminava
Co n’omo dentro che ce s’appoggiava.
Er popolo faceva le battute

Quarcuno jje strillava “biforcute”
Perché la gente se la ricordava
La promessa che i sordi rifiutava
E quinni se sentiveno sfottute.

Quanno che poi ar Comune so’ arrivati
Cor sinneco volenno protestà,
Lo guardaveno tutti sconcertati.

Ma quello in mezzo a noi perché ce sta?
Forse ce vo fa ancora cojjonati,
Ma nun sa che adè lui l’autorità?

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY