“Er rancore”

0
142

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er rancore”

Sti cinquestelle so’ davero strani
Appena che j’avanzi ‘n’obbiezzione
O che je movi ‘na contestazzione
T’insurtano che manco ai vespasiani.

Pe sti quattro sonetti sgangherati
Che denunceno quello che nun va
Ne sta disgrazziatissima città
S’inkazzano e so’ sempre più esartati.

Po’ esse vero che sarò fazzioso
E magari un po’ troppo irriverente,
Ma nun se po’ negà ch’è indecoroso

Vedé che tutto quanto è decadente,
E se chi ciamministra è rancoroso
Er cittadino sente ch’è impotente

E nun po’ facce gnente?
Tra poco ce sarà ‘n’artra occasione
Pe’ distingue er capace dar cojone.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY