“Er primo cittadino”

0
183

Da Pasquino dell’Ottimo consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er primo cittadino”

Potete dimme quello che ve pare,
So’ stato eletto primo cittadino
Me svejjo, poi me stiro, ogni mattino,
E penso che sò proprio da invidiare.

Me guardo ne lo specchio e lì traspare
Che davero so’ un omo der destino.
Quarcuno dice che so’ un pivellino,
Ma adè la bile che lo fa parlare.

Penso de somijjà proprio a Gastone.
La bocca bella, er sorriso profonno,
Co’ le donne ce faccio colazzione.

C’è però quello che me vole a fonno
E dice senza arcuna educazzione:
Si tu sei er primo, povero er seconno.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY