“Er potere”

0
209

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto al titolo “Er potere”

Ce stanno certi giorni, lo confesso,
Che io me ciarrovello troppo spesso
A domannamme come adè successo
Che ne quer posto a quello cianno messo,

Nun je farebbe pulì manco er cesso.
Invece de vedé quarche progresso
Ogni giorno che passa adè regresso.
E io me sento sempre più depresso.

E’ vero: poi pensà ch’adè un eccesso,
Che sto giudizio come te l’ho espresso
Po’ datte l’impressione d’un processo,

Ma io nun te nasconno che so’ oppresso
Me sento violentato e manomesso
A vedé sta città ch’adè ar decesso

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY