“Er peccato origginale”

0
322

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er peccato origginale”.

Io nun te posso dì si pe davero
Adamo cià la corpa der peccato
Perché ‘na mela intera s’è magnato:
Nun te lo posso dì perché nun c’ero.

Ma tutto quanto me sarei aspettato,
Vojj’esse pe davero assai sincero
Senza volé apparì troppo severo,
Meno che d’esse sempre cojjonato.

Possibile che questa era la pena?
Che er padreterno a noi cià condannato
A risentì come ‘na cantilena

Che la corpa adè sempre der passato?
E’ ora de finì sta messiscena
Perché mo puro Adamo s’è incazzato.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY