“Er forno crematorio”

0
239

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er forno crematorio”.

Insomma, ma sto forno crematorio
Perché se deve fa’ de dimensioni
Che ce ponno brucià li battajoni?
A me me pare puro iettatorio,

La città nun po’ esse un obbitorio.
E nun potemo esse li minchioni
Che ce rifilino sempre li bidoni
Distruggennoce puro er territorio.

E perché se vo’ fa’ a tutti li costi
Senza manco pensà all’inquinamento?
Ma nun s’erano sempre contrapposti

A ste scerte dell’artro schieramento?
E mo che cianno loro quelli posti
Er male è diventato gradimento?

Ma che ber cambiamento!
Ciavevano promesso la salute
E cianno invece lingue biforcute.

Pasquino dell’Ottimo Consiglio

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY