“Er cipijo”

0
114

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er cipijo”

Questo è un monno de nani e ballerine
Co rispetto pei primi e le seconne,
Nun se deve nemmanco da nasconne
Chi se venne pe quattro noccioline.

Oramai se sparpaja l’opinione
Che la coerenza, un tempo ‘na virtù,
E’ rimasta sortanto suppergiù
Pe distingue chi è furbo dar fregnone.

Se po’ cambià partito indifferente
Destra o sinistra, senza batte cijo
Nun ciai manco er dovere de dì gnente

Giustificatte, cercà quarche appijo,
Perché la gente in fonno lo consente
E nun te guarda manco cor cipijo.

 

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY