“Er cellulare maledetto”

0
89

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er cellulare maledetto”

Ma dimme te si è vero o nun è vero
Che passi tutto er giorno ar cellulare
Dentro l’orecchie ciai l’auricolare
Pari ner monno vero ‘no straniero.

Nun è che vojo sempre esse severo
E’ chiaro: poi fa’ quello che te pare,
Ma nun portallo pure sull’altare
Fa’ quarche vorta funzionà er pensiero.

Te lo porti ner bagno e dentro al letto
Lo guardi fisso quanno se parlamo
E t’assicuro che me viè er sospetto

Che te lo sbirci pure se scopamo.
Insomma er cellulare maledetto
Ormai pe’ te è l’unico richiamo.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY