“Er callo”

0
173

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er callo”.

Mo ch’è venuto sto callo infernale,
Pe restà dritto me ce vo er bastone,
Nun me sorte er respiro dar pormone
Me piace solo sta sopra ar guanciale.

Come me movo me viene er fiatone
Dove me metto me ce trovo male,
Vorrebbe corre sempre all’ospedale
Perché penso d’avecce er coccolone.

Così vorrebbe metteme a riposo
E pe sto mese nun rompeve er cazzo
Fa’ campa in pace puro er più feccioso.

Però ve devo dì che ciò imbarazzo,
Nun vorrebbe che er solito borioso
Puro cor callo facesse er pupazzo.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY