“Divento matto”

0
267

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Divento matto”.

Divento matto, si, divento matto,
Sarà che me so proprio assai invecchiato
Che er monno intorno a me s’è rovesciato
Ma io a sta reartà nun me ciadatto.

Insomma raccontamo adesso un fatto:
A uno ch’era proprio esasperato
Perché er salario suo j’era negato
E che ciaveva avuto un brutto scatto,

Che j’hanno fatto? L’hanno licenziato.
Mo’ ce vorranno dì co’ sto misfatto,
Ch’a protestà sei subbito mazziato,

Che si parli de loro senza tatto
Te leveno er lavoro e sei fregato,
Così ch’ogni diritto è sopraffatto.

Mo io ne prenno atto
Ma se questa è la nova umanità
Da sta città l’avemo da caccià.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY