Damose ‘na svejata

0
246

Ciò sempre sti ricordi ne la testa,
De quanno sta città se ribellava
E chiunque a piegalla ce provava
Doveva abbassà subbito la cresta.

Cor prepotente adera assai indigesta,
La coda co nessuno dimenava.
Nun era proprio nata p’esse schiava,
Bastava un fischio e c’era la protesta.

E mo che semo quasi al lumicino
Dà l’impressione d’esse rassegnata.
Senza capì che si fa l’agnellino

Ne sto monno de lupi, è carpestata.
E allora vojjo dillo ar cittadino:
Nun poi dormì, damose ‘na svejata.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY