“Città mia”

0
181

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Città mia”

Margrado che sei stata tanto avara
Tanto irriconoscente e tanto amara,
Margrado che ciai dato insicurezza
E troppo spesso puro la tristezza

Io te porto ner core città mia.
Puro mo che me pari in agonia.
Vojo restà vicino ar capezzale
Perché nun vojo che te fanno male.

Però me chiedo come adè successo
Che ‘na città ch’è nata fortunata
Se trova da quarch’anno drentro ar cesso.

Fosse che la sfortuna nostra è nata
Da quanno er cittadino, fatto fesso,
Ha dato ‘na fiducia immeritata?

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY