“Chi cià er potere”

0
121

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Chi cià er potere”

L’omo er potere se lo tiene stretto
Nu lo divide manco cor fratello
Se lo difenne puro cor cortello,
Pe nun lasciallo se mette l’ermetto.

Tu guarda i cinquestelle a Citavecchia
Erano sedici giovani e forti,
E mo so’ diventati troppo corti,
Nun decidono manco ‘na petecchia.

Eppure stanno lì senza ‘na piega
Co la faccia de bronzo indifferente,
Gireno a voto e nun fanno ‘na sega.

La città more e nu je frega gnente.
Quarcheduno bisogna che me spiega:
Ma nun erano loro er sarvagente?

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY