“Che tempi”

0
153

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Che tempi”

Che tempi, che notizie, che goduria,
Dopo la cena del ritrovamento,
Ce stà un’artra occasione de lussuria:
Er sinneco ha deciso sur momento

Che in fonno nun sarà proprio n’ingiuria
Presentasse a quest’artro appuntamento,
Nun sarà lui de certo a fa’ l’abbiura,
Perché la fascia a lui lo fa’ contento.

E allora je lo dico a tutto tonno:
Rendite conto, tu nun sei adeguato.
A sta città nun je poi dà l’affonno,

Da quanno che stai lì ciai martoriato,
Noi semo diventati un bassofonno
Perfino la speranza ciai ammazzato.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY