“C’era ‘na vorta”

0
264

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “C’era ‘na vorta”

C’era ‘na vorta ‘na città d’incanto
La gente adera proprio assai de core
L’aria der mare dava er bonumore
Chi se n’annava ciaveva er rimpianto.

La gioventù sbocciava come un fiore,
Nun vedevi ‘na lacrima de pianto
Er cittadino la portava a vanto
Pareva er quadro fatto da un pittore.

Mo si era vero o no nun cià importanza
Quello che m’hanno detto amico mio
Che c’era de sicuro la speranza

De poté cresce come vole Iddio.
Senza dové subì la tracotanza
De chi ar sorriso ce fa dà l’addio.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY