“Ce vo’ er permesso”

0
238

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Ce vo’ er permesso”.

Mo’ pe parlà ce devi avé er permesso
De chi commanna dentro ar movimento
Artrimenti adè proprio un tradimento
E potresti finì sotto processo

Er padrone nun scenne a compromesso,
Lui detta legge cor regolamento
Ch’ha fatto senza arcun coinvorgimento.
Così la libertà va in fonno ar cesso.

A commannà tra li pentastellati
So’ du persone unite coll’argento,
L’altri so’ tutti quanti interessati

E rispetteno ogni cambiamento.
A dì sempre de si so’ abbituati:
E’ pe’ quei due che stanno in Parlamento.

Ma d’artro me lamento:
T’immagini se vanno a governà
Quanti cazzi ciavremo da pelà?

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY