“San Gennaro”

0
125

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “San Gennaro”.

Un tempo er cristiano che sbajava
Doveva fa’ ‘na lunga penitenza,
Ce stava quello che se ritirava
Pe’ ritrovà da solo l’innocenza,

C’era perfino chi se fustigava
Senza chiede nemmanco la clemenza,
Quarcuno ner convento se n’annava
E se piegava ar voto d’ubbidienza.

Se potrà dì che adera esaggerato
Che c’era de sicuro fanatismo
Che nun se po’ annullà così er peccato,

Ma nun ce stava mai l’opportunismo
Oggi sto monno adè tutto cambiato
E er misticismo affoga ner cinismo.

Me vince er pessimismo:
C’è chi bacia l’ampolla benedetta
Solamente pe’ fasse ‘na marchetta.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY