“Er triennio”

0
168

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er triennio”.

Quanno disse so’ onesto e trasparente
Quarcuno lo guardò co’ diffidenza
Pensanno puro: questo adè ‘na lenza.
Quarc’artro disse ch’era incompetente.

Ma la speranza c’era tra la gente.
“Pe’ giudicà ce vo’ la conoscenza”
Diceva chi ciaveva più clemenza.
Er tempo adè trascorso lentamente

E mo’ s’arivortamo ner passato
Guardanno sti tre anni de governo
Pé vedé qual’è stato er risurtato.

Te devo confessà: pare ‘no scherno,
Nun solo nun c’è gnente de cambiato
Ma ha fatto fuggì puro er padreterno.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY