“La monnezza”

0
272

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La monnezza”.

So’ preoccupato e nun ve lo nasconno
L’omo me pare ormai che s’è impazzito
Sarà che me so’ un po’ rincojonito
Quarche vorta succede che smadonno.

Nun è che a me me piace questo monno;
Lo vorrebbe cambià come un vestito
Ma ne vorrebbe uno più gradito
E nun posso pensà d’annà più a fonno.

Invece qua oramai solo se strilla
S’offenne, se calunnia e se disprezza,
Facenno gonfià puro la tonsilla.

Nun ve nasconno che me viè tristezza.
Ma piateve un po’ de camomilla,
Nun ve buttate in faccia la monnezza

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY