“La sfortuna”

0
209

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La sfortuna”.

Ne la vita sei sempre disarmato:
C’è chi cià la fortuna e chi la iella
C’è chi va ne la brace e chi in padella,
Nun poi sapé si sei predestinato.

Si capiti ar momento ch’è sbajjato
E scappa un corpo da na rivortella
Po’ esse che te pija ne le cervella.
E lo poi dì: so’ stato sfortunato.

Ma ne sto caso nun poi dì ch’è stato
Er destino ch’è cinico e ch’è baro
Quarcuno de sicuro l’ha votato

Puro si adesso pare un pezzo raro.
E pe corpa de sto sconsiderato
Pagamo tutti un prezzo troppo caro.

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY