“La Marina”

0
324

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La Marina”

So’ stato l’artra sera a la Marina
Co’ un par d’amici a prenne un po’ de fresco.
L’ambiente me pareva ruffianesco,
Adatto a la coppietta malandrina

Che se toccava sopra a una panchina
E ce guardava in modo assai cagnesco.
La piazza co’ l’aspetto vampiresco,
Illuminata da ‘na lampadina,

Più in là du regazzini un po’ aggitati
Stavano a arrotolasse ‘no spinello,
Un omo co’ tre cani malandati

S’era sdraiato sotto un arberello.
A sto punto se semo domannati
Ma n’era questo er fiore nell’occhiello?

Madonna che macello.
E’ allora che se semo allontanati
Pensanno ch’eravamo condannati.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY