“Er somaro”

0
325

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto intitolato “Er somaro”.

Quanno che pija un incarico importante
Uno che ha fatto sempre er sottopanza
Jje se trasforma proprio la sostanza,
Pensa ch’è diventato un commannante.

Comincia a camminà sempre oscillante
Ner viso manifesta la bardanza
Cià er ghigno de chi cià la ripugnanza
Se crede puro d’esse assai brillante.

Solo che nun capisce carinello
Che puro quanno vole arzà la cresta
Er somaro rimane sempre quello.

E si te guarda co’ la faccia onesta
Nun te fidà: cià fisso ner cervello
De diventà er re de la foresta.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY