“L’anno novo”

0
284

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio, un nuovo sonetto dal titolo “L’anno novo”

E così avemo tutti festeggiato
Tra botti mortaretti e gran magnate,
Ridenno pe le peggio buffonate
L’anno che co svertezza se n’è annato.

Baci e promesse so’ state scambiate:
Quarcuno de sicuro s’è azzardato
A garantì de rinuncià ar peccato.
Insomma ‘na marea de puttanate.

Quanno che poi è scoccata mezzanotte
Tutti a baciasse cor sorriso in vorto.
Pareva quasi che se stesse a fotte.

L’omo dev’esse proprio assai contorto
Pe festeggia er tempo che lo sfotte
Perché è passato e manco se n’è accorto.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY