“L’incompetenza ar potere”

0
350

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto, intitolato “L’incompetenza al potere”.

Quanno che manni a governà la gente
Che nun sapevi manco ch’esisteva
E che in città nessuno conosceva,
Bisogna che te metti er sarvaggente.

Perché nun solo nun risorve gnente
Ma chi prima la faccia nasconneva
Perché un po’ de ritegno cell’aveva
Cor potere se sente assai potente.

Ce stanno l’assessori e i delegati
Che nun li manneresti in giro soli:
E invece stanno tutti assai esartati

Senza capì che so’ sbajjati i ruoli:
Mejjo sarebbe fossero mannati
Ne le campagne a fa’ li campagnoli.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY