Age management, realtà differenti a confronto

0
199
Jpeg

CIVITAVECCHIA – Si è svolto ieri presso la Fondazione Cariciv di Civitavecchia un interessante convegno che ha visto riunite delle realtà differenti dalla nostra arrivate a Civitavecchia ieri mattina in pullman: Repubblica Ceca, Finlandia, Austria, Romania.

Presenti il Commissario Straordinario della Asl Roma 4 Giuseppe Quintavalle (nella foto), il Prof. Magnavita e il Dott. Pelliccioni di Archivio della Memoria che ha presentato i partner venuti dall’europa e i loro progetti.

La presidente della Carivic Gabriella Sarracco ha dato il benvenuto agli ospiti, dichiarando l’orgoglio di vedere un evento così ben strutturato nella città portuale. Ha ringraziato anche la Asl, sempre presente in un territorio dove lascia un segno incisivo con iniziative rivolte all’incontro tra cittadini e istituzioni.

Il progetto Age management colleziona le Best Practice in vari paesi Europei, su una forma di sostegno ai lavoratori che oltre i 55 anni si trovano in difficoltà nel mondo del lavoro.

Il Prof. Magnavita ha esposto il metodo che si usa in Asl Roma 4, una Asl che “ha sempre cercato di venire incontro ai lavoratori con metodiche anche innovative, in particolare con l’applicazione del metodo ASIA che ha diverse fasi di elaborazione: sorveglianza, monitoraggio e informazione sulle condizioni dei lavoratori. Si chiede ai gruppi di lavoratori che condividono lo stesso progetto terapeutico di identificare quali sono le criticità e quindi trovare le soluzioni che vengono offerte dall’azienda nell’ottica di una logica condivisa”.

Il Dott. Quintavalle ha esposto l’importanza di un progetto che vada a sollevare quei lavoratori che oggi si trovano in un universo “smart” governato dai social e dall’abbattimento delle barriere anagrafiche, che però spesso pesano quando ci si trova a doversi confrontare nel mondo del lavoro.

Una bella giornata, a favore del dialogo (avvenuto in lingua inglese) con delle realtà differenti che condividono gli stessi progetti e ideali.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY