Per l’ONU è l’anno internazionale dei legumi

0
359

La FAO, l’Agenzia ONU per l’alimentazione e l’agricoltura, ha deciso che il 2016 sarà l’anno dei legumi secchi. “L’obiettivo è di aumentare la produzione ma soprattutto il consumo in tutto il mondo”, perché questi cibi ricchi di nutrienti “possono apportare un importante contributo alla sicurezza alimentare in tutto il mondo,” ha osservato questa settimana Marcela Villarreal, capo del progetto della FAO, in una conferenza presso il Ministero dell’agricoltura a Parigi. Gli ortaggi secchi contengono vitamine, due volte più diel grano e tre volte più del riso e molti minerali e il 20-25% di proteine. Interessanti proprietà per i paesi in via di sviluppo, soprattutto perchè lenticchie, fagioli e piselli sono economici, ma anche nei paesi “occidentali”, dove possono rappresentare un’alternativa alla carne. “Una combinazione di legumi secchi con cereali presenta una qualità di proteine simili alle proteine da fonti animali, ad un costo inferiore,” ricorda Marcela Villarreal. E con un minor impatto sull’ambiente del bestiame, grande consumatore di acqua e fattori del riscaldamento a causa della produzione di metano. Inoltre, le piante leguminose hanno la particolarità di catturare l’azoto dall’aria e lo restituiscono al terreno attraverso le loro radici naturalmente arricchendo campi, che così hanno meno bisogno di fertilizzante. “E la fioritura è molto lunga, è buona per le api e producono foraggio,” dice Thierry Liévin, Vice-Presidente della Federazione nazionale dei coltivatori di Francia (LSCUF). Nonostante questi vantaggi, solo 72 milioni tonnellate di legumi sono prodotte e consumate ogni anno nel mondo, contro quasi 1 miliardo di tonnellate di grano. In Europa, meno del 2% delle superfici coltivabili sono dedicate a queste colture. Il problema è la produzione di ortaggi secchi “è più costosa di quella dei cereali per esempio. È più redditizio coltivare cereali che legumi”, spiega alla FAO. Nella maggior parte dei paesi, questa coltura attira “molti meno investimenti di cereali e altri prodotti, la mancanza di attenzione delle autorità pubbliche”, scrive l’analista Madhoo Pavaskar in un articolo pubblicato sul sito Web dell’associazione indiana dei rivenditori in legumi e cereali, che indica anche gli “scarsi prezzi remunerativi per gli agricoltori”. L’India dove il vegetarismo è diffuso, è il 1 ° produttore e consumatore di leguminel mondo. Ma deve importare degli impulsi che essa produce. Spero che “Il calo globale dei prezzi del grano possa essere favorevole alla coltivazione di ortaggi secchi”, ha detto Alexandre Cherki, Presidente della LSCUF. In Francia, per esempio, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” a differenza dell’Italia, il Ministero dell’Agricoltura vuole promuovere queste culture attraverso un sostegno specifico e grazie a qualche piano di aiuti europei.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY