La dieta mediterranea potrebbe essere migliore del “Viagra”

0
137

Secondo una nuova ricerca dell’Università di Atene, solo nove cucchiai di olio d’oliva a settimana – una parte della dieta mediterranea popolare – potrebbe essere migliore del Sildenafil o del Viagra nel migliorare la disfunzione erettile di un uomo fino al 40%.

Lo studio è stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista Circulation. L’olio d’oliva offre una serie di benefici per la salute e questo è uno dei nuovi punti di vista che suggeriscono l’inclusione di questo olio nella dieta quotidiana. L’olio d’oliva non può solo mantenere i vasi sanguigni sani e privi di aterosclerosi, ma può anche mantenere una buona circolazione in tutto il corpo.

La dieta mediterranea comprende frutta, verdura, legumi, pesce azzurro, noci e olio d’oliva. È considerata una delle diete più salutari disponibili al momento. La disfunzione erettile colpisce circa 4,3 milioni di cittadini britannici da oltre 40 anni e lo stile di vita attuale, lo stress e l’alcol sono stati tutti accusati dello stato attuale. I numeri mostrano che almeno un uomo su due tra i 40 e i 70 anni soffre di disfunzione erettile.

Farmaci come il Viagra possono aiutare a mantenere l’erezione e sono ampiamente utilizzati per il trattamento della disfunzione erettile. Per questo studio la squadra di ricercatori ha incluso 660 uomini greci con un’età media di 67 anni. Circa il 20% di questi partecipanti dall’isola di Ikaria aveva una disfunzione erettile. Hanno notato che gli uomini che avevano consumato una dieta mediterranea avevano problemi molto più bassi con le loro prestazioni a letto rispetto alle loro controparti che mangiavano altre forme di dieta.

Gli uomini che hanno preso l’olio d’oliva hanno trovato un livello più elevato di testosterone che riduce il rischio di disfunzione erettile e consente all’uomo di avere un’erezione adeguata per i rapporti sessuali. Secondo la ricercatrice principale, Dr Christina Chrysohoou, la capacità sessuale degli uomini di mezza età e degli uomini più anziani dipendeva principalmente dall’esercizio fisico regolare e da una dieta equilibrata. Ha aggiunto che gli uomini che seguivano la dieta mediterranea possono ridurre il rischio di disfunzione erettile fino al 40%. Ha spiegato che questa dieta può ridurre le probabilità di avere la sindrome metabolica compresa l‘ipertensione, il diabete e l’obesità. Può mantenere sani i vasi sanguigni ed è davvero una “soluzione a lungo termine” per gli uomini per mantenere la loro abilità sessuale. Il Viagra, ha aggiunto, produce solo un effetto a breve termine per avere una capacità sessuale.

Altri esperti hanno accolto con favore questo risultato e hanno affermato che, a parte il cuore e la salute cardiovascolare, la dieta mediterranea può anche migliorare la funzione sessuale e questa non è una sorpresa.

Ancora un altro studio, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha dimostrato che la dieta mediterranea può prolungare la vita. Marialaura Bonaccio, epidemiologa dell’Istituto Neurologico Mediterraneo, IRCCS Neuromed ha condotto questo studio. Ha detto che il processo di invecchiamento è rapido in tutto il mondo ed è tempo che i ricercatori cerchino ‘strumenti’ che potrebbero rallentare il processo di invecchiamento. “Sappiamo tutti che la dieta mediterranea fa bene alla salute, ma ci sono pochi studi incentrati sugli anziani”, ha detto.

Questo nuovo studio è stato pubblicato sul British Journal of Nutrition. Lo studio ha esaminato 5.200 persone di età pari o superiore a 65 anni nella regione Molise in Italia reclutate tra il 2005 e il 2010 e seguite fino al 2015. Sono stati raccolti i dati relativi alla dieta e alla salute. Durante questo periodo, 900 persone hanno avuto una dieta. Le loro diete sono state valutate tra 0 e 9 per vedere quanto fosse vicino alla dieta mediterranea.

Le persone che seguivano da vicino la dieta mediterranea erano anche coloro che intraprendevano più attività fisica. Quelli con un punteggio di dieta tra 7 e 9 (alta aderenza alla dieta mediterranea) hanno avuto una riduzione del 25% del rischio di morte a causa di qualsiasi causa rispetto a quelli che avevano punteggi tra 0 e 3. Ad ogni punto aumento di aderenza, c’era un 6 per cento di riduzione dei tassi di mortalità a causa di qualsiasi causa. Bonaccio dice che iniziare una buona dieta e uno stile di vita precoce è vantaggioso.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY