Tvs, Fortunato: “I lavoratori non sono merce di scambio di Tirreno Power”

0
248

CIVITAVECCHIA – “Altra giornata di sciopero per i lavoratori di Tirreno Power, sciopero che come quello di qualche settimana fa sta passando completamente in sordina offuscato da eventi più o meno seri come il referendum per l’uscita del Regno Unito dalla UE piuttosto che i Campionati Europei di Calcio”. Lo dichiara il Consigliere comunale Cinque Stelle Francesco Fortunato, che commenta così la lotta in corso dei lavoratori elettrici: “Questo non è un bel segnale ne per il Paese e tanto meno per questo territorio che rischia concretamente di ritrovarsi a breve nel bel mezzo di una guerra tra poveri, una guerra che prevede un taglio drastico della forza lavoro come unica soluzione ad una gestione aziendale che nel corso degli anni si è rivelata fallimentare su tutti i fronti e che non ha mai veramente mostrato una volontà di risanamento e tanto meno di sviluppo. Ancora una volta come Movimento 5 Stelle ribadiamo la nostra vicinanza ai lavoratori mettendo in campo tutte le risorse possibili”.
“In questi giorni – prosegue – il Capogruppo in Regione Devid Porrello ha depositato un’interrogazione urgente dove viene sollecitata la richiesta da parte della Regione Lazio di un incontro al MISE per meglio chiarire quali sono le reali intenzioni di Tirreno Power per questo territorio e ci stiamo attivando con i nostri referenti all’interno della XI Commissione Parlamentare per portare la questione a livelli ancora più alti”.
“Questa Amministrazione – conclude Fortunato – non può e soprattutto non vuole che si continui a speculare utilizzando i lavoratori come merce di scambio e ribadisce ancora una volta lo stesso concetto: se l’azienda vuole intraprendere un vero e serio percorso di risanamento ci troverà disponibili al dialogo, ma se il suo unico scopo è unicamente quello di raggiungere il massimo risultato economico con il minimo sforzo sappia che tutte le forze di questa Amministrazione saranno rivolte unicamente alla tutela dei lavoratori dell’impianto”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY