“Torno Subito” 2016, per evitare la “fuga di cervelli”

0
451

ROMA – Ormai giunto alla terza edizione, il progetto “Torno subito” è trasversalmente riconosciuto tra le best-practices non solo su scala nazionale, ma persino europea.  I risultati, in effetti, parlano chiaro e sono ben evidenziati sul sito laziodisu.it: 1500 i ragazzi partiti e 876 già tornati nella Regione per mettere in rete e condividere le esperienze e le competenze acquisite. Il bando è inserito nel Por-Fse 2014-2020 e la scadenza per la presentazione dei progetti sarà fino alle ore 10.00 del 25 Giugno.

Da sperimentazione mutuata dall’esperienza pugliese, “Torno subito” nel Lazio è diventato una realtà strategica della regione. In controtendenza con la “fuga di cervelli” che attanaglia il paese, “Torno subito” costruisce la sua narrazione sul fatto che” partire dovrebbe essere una scelta”.

Nel 2016 partiranno in duemila. Tutti giovani universitari o laureati dai 18 ai 36 anni. E con il nuovo bando 2016, la regione ha costruito una serie di “convenzioni” con aziende di ogni ordine e grado, con le quali i giovani progettisti potranno relazionarsi in entrambe le fasi che il progetto prevede, ovvero quella di ricerca del partner fuori dalla regione Lazio e la successiva che prevede il rientro dentro una realtà laziale.

Una buona occasione quindi, anche per i nostri giovani civitavecchiesi, che negli scorsi anni avevano presentato numerosi progetti. Almeno una quindicina, secondo gli uffici della Regione che abbiamo contattato, i ragazzi che lo scorso anno hanno vinto il bando 2015 , a testimonianza di un importante fermento che anima la troppe volte bistrattata gioventù civitavecchiese.

Per visionare il bando 2016 e tutte le informazioni su “Torno Subito”:

http://www.tornosubito.laziodisu.it/

http://www.tornosubito.laziodisu.it/bando-2016/

help desk “Torno Subito”:  06 49 70 75 52 – 06 49 70 75 53

 

Ismaele De Crescenzo

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY