Tirreno Power sospende la mobilità per 150 dipendenti di Civitavecchia, Napoli e Vado Ligure

0
280

CIVITAVECCHIA – “Si apre uno spiraglio importante nella vertenza Tirreno Power: dopo le richieste di sindacati, Mise e istituzioni locali, l’azienda ha accettato di sospendere la procedura di mobilità per 186 lavoratori, pari a circa il 50 per cento del personale dei siti di Civitavecchia, Vado Ligure e Napoli”.
Lo hanno dichiarato il segretario generale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati, e il segretario nazionale Ugl Chimici-Energia, Michele Polizzi, al termine della riunione di oggi al ministero dello Sviluppo Economico, spiegando che “sarà ora possibile aprire tavoli tecnici, per poi effettuare una verifica entro il 12 e 13 ottobre, per individuare soluzioni di transizione meno traumatiche, tenendo conto anche delle differenze fra i diversi stabilimenti e uffici coinvolti”.
“In particolare – aggiungono – per la centrale di Civitavecchia abbiamo chiesto che sia data attuazione ad un precedente accordo che prevede che Enel riassorba il personale dichiarato in esubero da Tirreno Power”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY