Oltre l’accoglienza: percorsi formativi per rifugiati e richiedenti asilo

0
359

CIVITAVECCHIA – Arci Comitato Territoriale Civitavecchia e Città Metropolitana di Roma si sono date appuntamento ieri presso  il Centro per la Formazione Professionale (CPFP) di Via Terme di Traiano snc per parlare insieme ad altre personalità, all’uopo intervenute, di percorsi e tirocini formativi nel settore della ristorazione, mediante i quali è possibile realizzare, dopo l’accoglienza e l’integrazione, anche l’inserimento professionale per rifugiati e richiedenti asilo nel nostro territorio.

A fare da moderatore Roberto Sanzolini, il Presidente dell’Arci, che ha esordito illustrando la bontà del progetto SPRAR (Sistema Protezione Rifugiati e Richiedenti Asilo) di cui è gestore, con buoni risultati, sin dal 2011 nel Comune di Santa Marinella e dal 2013 nel Comune di Tolfa. L’eccellenza di questo progetto, di cui fanno parte circa 40 persone, consiste nel binomio accoglienza e integrazione, che deve necessariamente completarsi con l’inserimento dei beneficiari dello SPRAR nel mondo del lavoro.

Per questo motivo, ha dichiarato Sanzolini, “si avvia oggi un corso di formazione nel campo della ristorazione di 140 ore che consente di avere un titolo per lavorare. Nato dall’ottimo rapporto tra Arci e Città Metropolitana, è un progetto sperimentale e innovativo che parte da Civitavecchia, per avviare a formazione professionale coloro che vengono da paesi terzi, con o senza specifiche competenze, che serve a superare le difficoltà a trovare un lavoro nel nostro paese attraverso il riconoscimento di competenze, capacità e titoli professionali.”

“E’ un progetto gratuito promosso dall’Arci circa un anno fa – ha aggiunto Mario Tallarico, Responsabile del CPFP – e un percorso sperimentale per 10 ragazzi nel settore della ristorazione, ambito in cui vi sono ancora possibilità di inserimento professionale.”

Alla tavola rotonda erano presenti, inoltre, Donatella Selis, Responsabile del progetto del Comune di Santa Marinella, e Marcella Alfè Assessore alle Politiche di Immigrazione, Massimiliano Borelli Consigliere di Città Metropolitana di Roma (ora ex delegato), Ismaele De Crescenzo Capogruppo Sel, rappresentante della Regione, la docente del corso di formazione Vania Pacchiarotti ed Enrico Caricaterra, docente del Centro per l’impiego. Ciascuno dei relatori ha espresso considerazioni estremamente positive in merito alla straordinarietà del progetto che si profila, sin d’ora, all’avanguardia sul territorio perché un conto è teorizzare l’accoglienza e l’integrazione e un conto è metterla in pratica.

L’evento si è concluso con i ringraziamenti di Sanzolini alle autorità intervenute, fra le quali purtroppo è brillata l’assenza di rappresentanti delle istituzioni locali, e con l’augurio che queste giovani risorse umane, ben presto, possano essere utilmente integrate e operative nella società.

Antonella Marrucci

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY