L’Agenda rossa a Civitavecchia, Cozzolino: “Un onore per la città”

0
116

CIVITAVECCHIA – Pomeriggio di emozione quello di ieri, con l’arrivo a Civitavecchia della Ciclo staffetta dell’Agenda Rossa.In occasione del 25 anniversario della strage di via D’Amelio, infatti, l’Associazione culturale Ora blu, in collaborazione con il Movimento delle agende rosse, ha dato vita ad una staffetta in bicicletta che sta trasportando un’ ”Agenda Rossa” di regione in regione, per testimoniare che c’è un’Italia che non ha dimenticato e che vuole ricordare e raccontare quel che è successo.
L’agenda rossa di Paolo Borsellino, come si ricorderà, sparì misteriosamente subito dopo l’attentato di stampo mafioso del 19 luglio 1992 in cui il magistrato perse la vita. Un documento importante che conteneva appunti, nomi e forse rivelazioni sulla strage di Capaci in cui morì Giovanni Falcone.
Ieri l’arrivo in città della staffetta, accolta sulla via Aurelia Nord dai rappresentanti dell’associazione Caponnetto e da altri cittadini, i quali hanno accompagnato gli ospiti fino a piazzale Guglielmotti dove sono stati ricevuti dal Sindaco Antonio Cozzolino. Tra loro Salvatore Borsellino, fratello del magistrato.
“E’ un onore essere protagonisti del ricordo di una persona eccezionale ed esempio di servitore dello Stato quale Paolo Borsellino – ha dichiarato Cozzolino – Voglio ringraziare a nome di tutta la città gli organizzatori, che hanno portato nella nostra città ‘l’agenda rossa’, il simbolo di ciò che dovrebbe essere l’attaccamento allo Stato e al senso di collettività di un intero paese. Conoscere il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, è stato emozionante. Io non sono un politico di mestiere, faccio il Sindaco dopo appena 4 anni di politica perchè sentivo il bisogno di fare la mia parte per la mia città e per il mio paese. Avere accanto a me e poter stringere la mano al fratello di una delle persone che hanno impersonificato il senso dello Stato nello scorso secolo è stato un onore come pochi ne ho avuti in questi 3 anni di mandato fin qui trascorsi”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY