“La Riccetti non ci rappresenta, si dimetta”

0
118

CIVITAVECCHIA – Rottura totale tra Movimento Cinque Stelle e Alessandra Riccetti. In una nota stampa gli attivisti grillini condannano il critico intervento della Presidente del Consiglio nel corso dell’ultima seduta sul forno crematorio e ne invocano le dimissioni non solo da presidente ma anche da Consigliere comunale, ritenendola ormai non rappresentativa del movimento con cui è stata eletta. Di seguito la nota integrale diffusa dal M5S.

“Abbiamo preso atto delle distanze intraprese nei confronti della maggioranza da parte di Alessandra Riccetti. Il presidente, durante il consiglio comunale di lunedì, ha pensato bene di abbandonare l’atteggiamento equanime che dovrebbe contraddistinguerla per difendere palesemente una parte di opposizione, ancora una volta nettamente spaccata riguardo alla questione del forno crematorio.
Da una parte abbiamo de Paolis e D’Angelo, intervenuti a favore di quest’opera che a loro dire ha rispettato l’iter amministrativo; dall’altra parte abbiamo riunito il PD, Grasso e Riccetti: i primi a condannare quanto da loro precedentemente avviato senza alcuna consultazione popolare ed i secondi completamente contrari all’opera, proprio oggi che non è più possibile bloccare l’iter, forse in un sonno letargico o semplicemente distratti quando la delibera fu approvata.
Il metodo scelto da Alessandra Riccetti per portare avanti l’attività politica nel segno del personalismo contrasta fortemente con una base, la nostra, che con Alessandra si è formata in anni di partecipazione attiva nel Movimento 5 Stelle, anche quando alle riunioni si era solo una manciata di persone. Non possiamo, quindi, che condannare fermamente ogni azione intrapresa. Riccetti non ha condiviso con la base nulla di quanto affermato lunedì, non ha condiviso con i suoi colleghi di maggioranza nemmeno il documento redatto personalmente da Giovanni Ghirga, cercando di strumentalizzarlo come una posizione ufficiale di “Medici per l’Ambiente” (e comunque non contraria alla realizzazione del forno, ma solo alla realizzazione con precise prescrizioni che di fatto sono già, responsabilmente, state previste).
Alla luce quindi della sua posizione politica personalizzata e delle pesanti ed infondate accuse verso il nostro Sindaco, al quale rinnoviamo la nostra totale stima, siamo a chiedere le dimissioni di Alessandra Riccetti non solo dalla presidenza del consiglio, ma soprattutto da consigliere comunale ossia da portavoce del Movimento 5 Stelle dentro le istituzioni. Si è candidata con un simbolo, quello del M5S, che è segno distintivo di responsabilità etica e morale.
Alessandra Riccetti non ci rappresenta più ed è la triste protagonista della pagina più brutta dell’esperienza Movimento 5 Stelle a Civitavecchia. Ci aspettiamo in extremis un gesto di coerenza: si dimetta, scelga un partito qualunque che più l’aggrada e soprattutto passi nuovamente attraverso le elezioni, come ha sempre sostenuto anche lei durante le riunioni che hanno preceduto la sua candidatura. Saranno poi i cittadini a decidere se votarla o meno”.

 

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY