La danza del Balletto di Roma nelle sale del Museo nazionale di Civitavecchia

0
192

CIVITAVECCHIA – Si apre a Civitavecchia il secondo capitolo di “Balletto di Roma – Reveals”, il progetto che porta Balletto di Roma a sviluppare esperienze e creazioni inedite, ideate per musei, gallerie d’arte, spazi culturali e contesti artistici.
Sotto la supervisione e direzione artistica di Roberto Casarotto, otto danzatori della compagnia realizzano delle azioni coreografiche pensate esclusivamente per gli spazi espositivi e in dialogo con alcune delle suggestive opere custodite al Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia, rispondendo con entusiasmo all’invito del Polo Museale del Lazio, che promuove l’iniziativa.
L’evento del 6 gennaio propone danze “di durata”: dalle ore 16:00 alle 20:00, infatti, i visitatori potranno assistere alla presentazione di coreografie no-stop (curate dai danzatori Francesco Saverio Cavaliere, Siro Guglielmi, Monika Lepisto, Fabio Novembrini, Valentina Pierini, Eleonora Pifferi, Roberta Racis, Raffaele Scicchitano) e osservarle da diversi punti di vista muovendosi liberamente tra i due piani di esposizione del Museo. A ispirare le coreografie sono soprattutto alcune sculture rappresentanti divinità classiche, frammenti di corpi che hanno attraversato lo spazio e il tempo, offrendo spunti creativi e suggestioni per la realizzazione di un succedersi emozionante di gesti – e suoni – di una durata inconsueta rispetto alle tradizionali forme coreutiche di allestimento.
Una serie di creazioni che rendono omaggio alla grande arte classica e la riporta in vita, nelle splendide sale del Museo Archeologico di Civitavecchia, allestito nella settecentesca palazzina di Clemente XIII, costruita originariamente per il comando della guarnigione pontificia, e che ora custodisce i reperti provenienti dalla città di Centumcellae (antico nome di Civitavecchia) e dall’intero territorio, comprese le aree immediatamente limitrofe.
Dopo l’inaugurazione del progetto, a Punta della Dogana – Museo di Palazzo Grassi Venezia nel 2016, con coreografie di Fabio Novembrini e Roberta Racis, “Reveals” torna ad abitare i musei italiani più belli, per fare incontrare due arti apparentemente lontane e in realtà così vicine.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY