La Caponnetto: “Urgono controlli rigorosi sulla Camassambiente e i suoi legami nel territorio”

0
748

CERVETERI – L’Associazione contro tutte le mafie “Antonino Caponnetto” interviene sul commissariamento, a seguito della interdittiva Antimafia, della Camassambiente SpA, una delle società dell’Ati che gestisce il servizio di gestione dei rifiuti, esprimendo viva preoccupazione per il sempre più dilagante emergere di indagini legate a questa tipologia di criminalità.
“Nonostante le nostre perplessità e le diverse scelte fatte da altri Enti – commentano dall’associazione Caponnetto – comprendiamo che tale scelta sia dovuta, nel contempo, alle raccomandazioni della Prefettura di Bari dirette ‘a non assumere iniziative dirette all’interruzione del rapporto con l’impresa Contraente’ e alla difficoltà di affidare in tempi brevi il servizio ad altra azienda visto, peraltro, il delicato momento politico elettorale attraversato dal paese. Riteniamo però doveroso, vista la delicatezza del servizio affidato, esprimere le più vive preoccupazioni in ordine al sempre più diffuso interesse delle mafie per gli affari inerenti i rifiuti e le indiscrezioni di stampa circa la presenza negli organici della Camassambiente di dipendenti e collaboratori quantomeno equivoci, e, pertanto, chiediamo che si vada ad un rigorossisimo monitoraggio di coloro che operano sul territorio e della rispondenza dell’operato dell’azienda a quanto richiesto con il capitolato d’appalto, con particolare riferimento alle filiere di smaltimento e riciclaggio. E altrettanto importante – concludono dalla Caponnetto – riteniamo che l’opinione pubblica venga messa al corrente circa l’esito di tali verifiche”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY