Forno crematorio, il Comitato: “La parola torni al Consiglio comunale”

0
169

CIVITAVECCHIA – Il comitato contro il forno crematorio prosegue il suo percorso verso il referendum cittadino. “Attendiamo – ha dichiarato il presidente Mario Michele Pascale – che il consiglio comunale esamini il parere tecnico della commissione comunale che ha rigettato il quesito. La commissione presieduta dalla Cordella non legifera, ma esprime solamente un parere. I referendum cittadini sono di esclusiva competenza del consiglio comunale, che dovrà pronunciarsi nel merito, accettando o rigettando il parere della commissione. Lì separeremo il grano dal loglio e sapremo senza se, senza ma e senza bizantinismi, chi ama la propria città e chi se ne infischia della salute dei cittadini. Il crematorio, lo ripetiamo, è soltanto un’altra servitù che porta con se un aggravio della situazione ambientale, senza nulla dare in cambio ai nostri cittadini”.
Contemporaneamente il comitato va avanti con la raccolta delle firme. Sono previsti dei banchetti per mercoledì 11 in piazza regina Margherita, giovedì 12 in via Labat, zona San Liborio, e sabato 14 di nuovo al mercato di piazza Regina Margherita. L’orario della raccolta firme sarà dalle 10 alle 13.
Giovedì 12 gennaio è inoltre previsto un punto di raccolta firme presso il Re Cycle cafè di via Montegrappa, a partire dalle ore 18.
Si ricorda che possono firmare per l’abrogazione della delibera inerente il forno crematorio tutti i cittadini iscritti nelle liste elettorali del comune di Civitavecchia.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY