Forno crematorio, fanghi e nuove polemiche

0
130

CIVITAVECCHIA – Il Forno crematorio continua ad agitare polemiche. Il Comitato di Punto dei Rocchi denuncia infatti le prime conseguenze dannose in termini ambientali del contestato impianto. “Questa mattina – affermano dal Comitato – per vuotare la realizza da fossa del crematorio dall’acqua piovana di questa notte, a qualcuno è venuta la bella idea di riversare la fanghiglia lungo la via Braccianese Claudia. Il pronto intervento delle forze dell’ordine ha messo fine immediatamente a tale stravagante procedura”.

Sulla vicenda si registra intanto l’intervento del Presidente della Commissione ambiente del Comune, Dario Menditto, che difende l’operato dell’Amministrazione. “Prima che fossi eletto già si parlava del forno crematorio – dichiara l’esponente grillino – perché già ne era stato approvato il progetto preliminare e già era stato dichiarato opera di pubblica utilità. Ebbene io non l’ho mai ritenuto una minaccia ed adesso che sono stato eletto non cambio idea solo perché, ferma rimanendo la buona fede dei residenti in prossimità del cimitero, è in atto una palese strumentalizzazione politica che certo non rappresenta la voce, o più ancora la paura, di tutti i cittadini o della maggioranza dei cittadini. È vero che nel programma elettorale abbiamo inserito l’impegno a non aggiungere alcuna ulteriore fonte di combustione, ma il contesto non lascia alcun dubbio che ci riferissimo alla combustione a scopo energetico di rifiuti o altri materiali e non certo alla cremazione, che è una pratica di tutt’altra natura e che ha tutt’altro scopo. Non è un caso che nello stesso programma abbiamo citato esplicitamente tutte le criticità ambientali, compreso l’inceneritore di armi chimiche e non il forno crematorio”.
“Sarei incoerente – aggiunge – se cambiassi idea adesso, sarei un fuscello che si piega al primo debole vento, invece a me il forno continua a non fare paura, non ci posso fare niente. Potrei cambiare idea solo se ci fossero delle evidenze scientifiche che la cremazione sia più inquinante dell’inumazione e della tumulazione, ma così non è, anzi al massimo si può dire il contrario. A garanzia dei cittadini c’è da dire che sono stati presentati degli esposti riguardo il forno crematorio e se la Procura lo riterrà opportuno agirà di conseguenza, ma non può essere l’Amministrazione comunale a bloccarne arbitrariamente la realizzazione, perché i cittadini pagherebbero di tasca loro il danno per il mancato guadagno delle ditte appaltatrici”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY