Emergenza idrica, Cozzolino chiama in causa la Regione

0
121

CIVITAVECCHIA – “In questi giorni una parte della città ha vissuto non indifferenti disagi idrici a causa dell’ennesimo evento franoso in località Radicata, vicino le terme di Stigliano, che ha interessata le tubature di HCS. Si tratta di eventi franosi attivi ormai da decenni, ai quali nessuno è mai riuscito a dare una soluzione definitiva, limitandosi a lavori in emergenza, mirati solo al ripristino delle tubature”.
Lo dichiara il Sindaco Antonio Cozzolino, che rileva come in questi due anni si sia intervenuti più volte con fondi comunali, mentre ad ottobre 2015 i tecnici della Regione e del Genio Civile sono stati invitati ad un sopralluogo congiunto, a seguito del quale il Comune di Civitavecchia ha richiesto alla Regione l’erogazione di finanziamenti eccezionali per mitigare il dissesto idrogeologico di quelle zone.
“A 18 mesi da quella data – dichiara il Sindaco – la città attende ancora una risposta dall’amministrazione Zingaretti, invece molto celere nel distribuire fondi per il Giubileo per il Comune di Monterotondo. Poche centinaia di migliaia di euro potrebbero evitare che la città di Civitavecchia resti senza’acqua in periodi particolarmente piovosi, ma al di là delle promesse la Regione non ha fin qui trovato modo di intervenire fattivamente nel dissesto idrogeologico in atto. Oggi abbiamo integrato la già copiosa documentazione che dimostra il dissesto idrogeologico in atto, redatta da tecnici specializzati, e abbiamo chiesto un incontro all’assessore competente nella speranza, questa volta, che la Regione dimostri una maggiore sensibilità nei confronti dei problemi della nostra città”.
“Chiedo ancora una volta il supporto dei due consiglieri regionali presenti alla Pisana – conclude Cozzolino – ossia Gino De Paolis e Devid Porrello, affinchè facciano tutto ciò che è in loro potere per far sì che questa ingente problematica che riguarda Civitavecchia venga affrontata in maniera risolutiva”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY