Da Grasso e Pascale piccata replica a Ceccarelli: “Chi sono i veri forcaioli?”

0
68

CIVITAVECCHIA – Ha provocato immediate e piccate reazioni l’intervento di ieri dell’Assessore all’Urbanistica Ceccarelli sul forno crematorio.
A replicare per primo il Comitato per il referendum, per voce del Presidente Mario Michele Pascale: “Ci duole e ci sconforta, anzitutto – esordisce – che l’assessore, che ha ricevuto una nomina politica, il quale risponde non all’elettorato con la dovuta autonomia, ma al sindaco e alla sua maggioranza con vincolo di subalternità, rifiuti la sua natura ‘politica’ per indossare la giacca del burocrate e quella del rappresentante sindacale. Siamo certi che l’inesperienza del Ceccarelli abbia un ruolo fondamentale in questo impiccio, che assume tratti incresciosi, inducendolo in un errore fatto in buona fede”. “L’assessore difende, inoltre, l’operato degli impiegati comunali, che nessuno attacca. E’ chiaro che se verranno accertate responsabilità nelle vicende autorizzative del crematorio queste sono in capo agli assessori, al sindaco e ai dirigenti. Non certo degli impiegati del comune che eseguono semplicemente ordini. Oltretutto il ‘padrone’ che sente il bisogno di fare il sindacalista fa un po’ sorridere. Il Ceccarelli dichiara ‘di non essere stato coinvolto nelle decisioni’. Benissimo. Ma qui il punto è che lui, oggi, è l’assessore ai lavori pubblici. Oggi è parte integrante del sistema. O si assume la responsabilità politica dell’operato della giunta e della maggioranza o si dimette perché l’operazione crematorio non gli piace. Non può stare in mezzo a fare il Budda sorridente”. Viene poi contestato il suo richiamo a uomini e famiglie, prima ancora che professionisti, che rischiano di venir stritolati dalla polemica politica, spesso condotta a livelli personali. “Chiediamo all’assessore Ceccarelli – la replica di Pascale – non sono anche ‘uomini, famiglie prima ancora che professionisti della macchina comunale’ che si papperanno le conseguenze nocive del forno crematorio? Perché il Ceccarelli non pensa anche a loro?”. Pascale riserva comunque un apprezzamento all’Assessore: “In maniera sicuramente maldestra e contraddittoria, egli segna una differenza con il mutismo ad oltranza del resto della giunta. Attendiamo che intervenga, per meglio illuminarci, colui che più di ogni altro dovrebbe parlare. L’assessore all’ambiente Alessandro Manuedda”.

Definisce invece “imbarazzante” l’intervento di Ceccarelli il Capogruppo de “La Svolta” Massimiliano Grasso. “Intanto chiarisca a chi si riferisce quando parla di professionisti della calunnia – esordisce Grasso – Perché qui se c’è qualcuno che pare non conoscere le norme non fa certo parte di coloro che prima hanno cercato di dialogare con l’amministrazione, poi sono stati costretti a ricorrere alla magistratura amministrativa o penale, così come i consiglieri comunali che hanno l’obbligo di denunciare fatti costituenti vizi di legittimità degli atti (nella migliore delle ipotesi) quando non vere e proprie ipotesi di reato. Qui nessuno ha fatto chiacchiere da bar, come sembra voler insinuare l’assessore che prima si presta ad un intervento che in sostanza non dice nulla, poi si affretta a ricordare che ancora non conosce a fondo la vicenda, sulla quale, ripeto, per un anno si è chiesto invano al Sindaco e alla maggioranza di riconsiderare le proprie scelte. Ora è troppo facile dire che forse qualcuno ha commesso un errore. Quanto al clima forcaiolo, come lo definisce l’assessore, se rivolgersi ai magistrati è da forcaioli, gli ricordo, visto che lui è tornato a Civitavecchia da poco, che la pratica degli esposti e dell’inquisizione è connaturata con un certo modo di fare politica che ben conosce chi lo ha preceduto e che lui stesso fa parte di una Giunta monocolore espressione di un Movimento che tutti i giorni grida che dovrebbero finire in galera tutti i ‘vecchi’ politici o almeno la maggior parte di essi. Salvo poi ripensarci quando le grane giudiziarie riguardano qualche giunta o esponente pentastellato. Quindi chi sono i forcaioli?”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY