Cozzolino chiede alla Capitaneria di Porto un’ordinanza contro i fumi delle navi

0
1188

CIVITAVECCHIA – Il Sindaco Antonio Cozzolino chiede al Comandante della Capitaneria d Porto Tarzia di emanare un’ordinanza finalizzata alla riduzione delle emissioni derivanti dai traffici portuali. Richiesta formalizzata attraverso una lettera inviata nella giornata di lunedì, nella quale si sollecita il Comandante ad adottare la stessa ordinanza già emanata recentemente nel porto di Napoli.
“Il consiglio comunale di Civitavecchia – afferma Cozzolino – ha già approvato all’unanimità la delibera per sottoporre al voto del Consiglio Regionale del Lazio la richiesta di inserire nel Piano Regionale di Risanamento della Qualità dell’Aria misure ed interventi atti a prevenire o limitare le emissioni in atmosfera prodotte dalle navi all’ormeggio nel porto di Civitavecchia. La proposta è già stata inviata, per gli adempimenti conseguenti, alla Presidenza del Consiglio Regionale ed è in attesa di essere discussa in aula. D’altronde lo studio di Coorte ha ufficializzato che ‘il comprensorio ha subito effetti sulla salute della popolazione residente ascrivibili ad esposizioni ambientali ed occupazionali avvenute nel passato’ e che ‘proprio perché lo stato di salute risulta oggi compromesso a seguito di esposizioni ambientali dei decenni trascorsi, è indispensabile attuare oggi le misure di prevenzione primaria limitando la esposizione della popolazione a tutte le fonti inquinanti presenti sul territorio legate agli impianti energetici, al riscaldamento, al traffico stradale e al traffico marittimo’”.
“Convinti dell’importanza della collaborazione tra istituzioni preposte alla salvaguardia della salute della cittadinanza – conclude Cozzolino – siamo certi che arriveranno velocemente importanti riscontri da parte della Capitaneria di Porto. Il nostro obiettivo, come dichiarato fin dal primo giorno di insediamento, è quello di ridurre il più possibile il carico inquinante sulla cittadinanza ed in questo senso intendiamo agire durante il nostro mandato”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY