“Confermato il taglio di posti letto al S. Paolo”

0
702

CIVITAVECCHIA – “I tagli ai posti letto dell’Ospedale San Paolo restano”. Lo denuncia il consigliere regionale Cinque Stelle Devid Porrello, per il quale la programmazione sanitaria regionale conferma la riduzione di posti letto nel nosocomio cittadino già denunciata nei mesi scorsi dai pentastellati e dal sindaco Antonio Cozzolino. Motivo per cui Porrello ha presentato una interrogazione urgente al Governatore Zingaretti per avere delucidazioni su questi tagli.

“Un decreto ministeriale del 2015 ha affidato alle regioni il compito di programmare la dotazione dei posti letto e i relativi provvedimenti attuativi, stabilendo che l’individuazione delle strutture di degenza e dei servizi formanti parte la rete assistenziale ospedaliera doveva essere realizzata tenendo in considerazione i bacini di utenza – afferma Porrello ricostruendo l’intera vicenda – A novembre 2016 il Commissario ad Acta Nicola Zingaretti ha definito il fabbisogno regionale dei posti letto per la riabilitazione, evidenziando la mancanza di 66 posti letto, occasione subito colta per favorire i soliti privati a discapito della ‘ottima’ distribuzione territoriale dei posti letto nelle strutture pubbliche. Per la riabilitazione post acuzie, infatti, sono stati tagliati 35 posti letto negli ospedali pubblici e aumentati di 76 unità nelle strutture private. Scelta analoga per le acuzie, dove per rispettare lo standard stabilito dal decreto del Commissario dello scorso luglio sono stati soppressi i posti letto nella ASL RM4 presso l’ospedale S. Paolo di Civitavecchia, lasciando ‘scoperto’ il territorio a favore di un privato di cui il territorio di riferimento non aveva alcun bisogno. Il mese scorso la ASL RM4 aveva risposto alla denuncia del sindaco di Civitavecchia, indicando in un mero errore di trascrizione la causa della scomparsa dei posti letto, un presunto errore che ad oggi rimane confermato negli atti di programmazione regionale. Una decisione che sembra l’ennesima punizione ad un territorio già martoriato dalle scelte scellerate di questa Giunta regionale”.

Nella sua interrogazione Porrello chiede dunque di sapere dal Presidente Zingaretti “i motivi di questi tagli non giustificabili dal fabbisogno dei bacini d’utenza”. “Questa visione della sanità che penalizza sempre più il pubblico a favore del privato è diventata insopportabile – conclude – e deleteria per il cittadino che vede sempre meno tutelato il proprio diritto alla salute.”

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY